Organigramma ...
Lo Sattuto ...
I Contatti ...
Iscrizioni On-Line alla FIMMG ...
Home Page ...     22 Ott 2018 - 08:45 AM 
 Username
 Password
       Registrazione
       Recupero pwd
Comunicati
News
Eventi
Documenti
Faq
WebLink
Sondaggi
 Sondaggi
  Comunicati 31/03/2015 - 09:25:46
  gli sprechi
ADN Kronos: Ben 25 miliardi di euro sono stati sprecati in sanità nel 2014, circa il 23% del totale della spesa, 111,4 mld. Le voci che hanno gravato di piu' sono l'eccessivo numero di prestazioni inefficaci, inappropriate o troppo costose rispetto ai benefici reali (7,6 mld) e la corruzione, male italico che si annida anche nel Ssn (5-6 mld). Queste le cifre illustrate dal presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, in apertura della X conferenza nazionale Gimbe, che riunisce a Bologna circa 500 partecipanti da tutt'Italia, in rappresentanza di tutte le professioni sanitarie. Gli sprechi, dunque, rappresentano una voragine da 25 miliardi di euro, sottratti a servizi essenziali e innovazione. Di questi "il 30%, circa 7,69 mld - spiega - viene assorbito dal sovra utilizzo di interventi sanitari inefficaci, inappropriati o dai costi elevati rispetto ai benefici reali. In pratica, stiamo sprecando troppo denaro in prestazioni che non servono, a causa della medicina difensiva ma anche dell'orientamento giudiziario, della medicalizzazione della società e delle aspettative dei pazienti, del turn over delle tecnologie, dei conflitti di interesse". Altro che 'less is more'. A questi si aggiungono "5-6 miliardi di euro (20%) erosi da frodi e abusi - prosegue Cartabellotta - comportamenti che minano la credibilità del Ssn e contro cui servono azioni concrete". Poco piu' di 4 mld vengono sprecati "nell'acquisto di tecnologie sanitarie, farmaci e strumenti medici e di beni e servizi non sanitarie, come mense e lavanderie, a costi eccessivi, non standardizzati da un capo all'altro della Penisola". Ma c'è anche un "sottoutilizzo delle prestazioni - evidenzia l'esperto - che brucia 3,08 miliardi (12%) per l'aggravamento delle condizioni dei pazienti, ricoveri e altri interventi evitabili che si fosse agito meglio prima". Burocrazia, ipertrofia del comparto amministrativo e la scarsa diffusione delle tecnologie assorbono circa 3 mld (12%). Infine, "l'inadeguato coordinamento dell'assistenza, fra ospedale e territorio, ma anche all'interno di uno stesso ospedale - afferma Cartabellotta - pesa per 2,56 miliardi di euro (10%)". E' "intollerabile - sottolinea - che 25 miliardi di euro l'anno vengano sprecati in quest modo. Negli ultimi anni la tendenza al definanziamento del Ssn e' stata costante e non si arresta. In futuro non ci saranno risorse aggiuntive e non si potranno finanziare servizi essenziali e vere innovazioni se le Regioni non avvia un processo di disinvestimento da sprechi e inefficiente per reinvestire in ciò che serve davvero, sulla base delle evidenze scientifiche". Un processo "necessario, che deve avvenire responsabilizzando le aziende sanitarie, che a loro volta devono coinvolgere professionisti sanitari e cittadini". All'insegna del motto 'less is more', "perché il troppo in sanità e medicina non sempre e' salutare ed efficace", conclude.
invia mail | stampa news


13 
20 
178612 
 Eventi
  27-03-2009 27-28-29 MARZO 2009 VI CONGRESSO REGIONALE DELLA SCUOLA DI FORMAZIONE IN MEDICINA DI FAMIGLIA
  04-03-2008 Inaugurazione Sito Fimmg Rieti
 Documenti
  31-01-2008 Applicativo e schema per la prescrizione degli inibitori di pompa protonica
  31-01-2008 Nota del Centro Studi sulla Prescrizione delle statine nel Lazio
  31-01-2008 Informazioni importanti per la prescrizione del Luminale
  31-01-2008 Esplicativo per la prescrizione dei farmaci nel Lazio
  Il Medico di Famiglia
sempre più vicino
      ai bisogni del cittadino

Scriveteci !!   Un pool di medici risponderà alle vostre domande

 Entrate nell area dedicata

Cookie policy | home | contatti | organigramma | statuto